Oliva Salella ammaccata del Cilento

  • Home
  • Oliva Salella ammaccata del Cilento
Copia di xImmagine319-e14207405172781 - Ridimensionato

Oliva Salella ammaccata del Cilento

La salella è una varietà di olivo dalle origini ignote, diffusa da secoli in tutto il Cilento. La tradizione vuole che si selezionino le sue olive più polpose ma non ancora giunte a maturazione e si ammacchino con una pietra di mare per poi essere snocciolate e immerse in salamoia. Una volta pronte vengono condite con olio di salella, aglio e origano. Prima di porle sott’olio si deve ogni volta pressarle per far uscire l’acqua in eccesso. Quindi si possono condire con olio extravergine, aglio, origano o timo e porre in barattolo, tenendole premute per evitare che si imbevano di olio e diventino molli. Un lavoro che richiede perizia e pazienza, basti pensare che le olive raccolte devono essere ammaccate, snocciolate e messe in acqua in giornata per evitare processi di disidratazione e che per ogni raccolta deve essere preparata una salamoia diversa.
L’oliva salella, divenuta da poco Presidio Slow Food, ha conquistato, nell’ambito del Salone del Gusto a Torino, anche i palati internazionali tanto da divenire tra i prodotti italiani più ricercati da giapponesi, russi e cinesi.