Tonno di Cetara

gastronomia-costiera-amalfitana-tonno-rosso-icona-e1420756913719

Tonno di Cetara

La pesca del tonno più che una attività economica è un rito, che si tramanda a Cetara da padre in figlio, e che ha visto crescere intere generazioni. È un lavoro che, negli anni d’oro, ha visto coinvolto quasi tutto il paese, la cui economia, soprattutto nello scorso secolo, è stata incentrata sulle “tonnare”, tanto da diventare un elemento caratteristico e distintivo della cittadina. Le barche di Cetara si spostano in tutto il Mediterraneo a caccia dei branchi del prelibato tonno. Cetara con le sue imbarcazioni detiene il 70% della ‘quota tonno’ nazionale e rappresenta la realtà più importante del Mediterraneo. Molti storici fanno derivare l’etimologia del nome Cetara dalla specifica attività della pesca del tonno che i pescatori del pittoresco borgo marinaro effettuavano fin dall’antichità con le tonnare anticamente dette “citariae”. Il successo del prodotto è anche merito del risultato di un’attenta ricerca sui sapori e di una sperimentazione sull’impiego di ingredienti scelti con cura. La sapiente lavorazione di mani esperte conserva integre le caratteristiche organolettiche ed esalta le qualità del pesce.